Street view: nelle prospettive di San Pietroburgo

Ci siamo svegliati nel 1800, durante la rivoluzione industriale, circondati da fabbriche in crescita, ciminiere che emanano fumo e vapore, cantieri, cielo grigio.

modIMG_6050

 

Eravamo seduti nella silenziosa metropolitana, dove le persone chiudono gli occhi, immersi nel rumore dei loro pensieri. Poi, una coppia di ragazzi sale, suona una canzone francese; lei ha i capelli di un arancione acceso, i movimenti vivaci, la voce morbida, lui la segue, ballando e suonando.

modIMG_6266

 

Subito dopo eravamo in strada, nelle caotiche vie del centro, circondati da vecchi pittori, uomini-bolle, carretti venditori di pannocchie ed “omini dei desideri” su alti trampoli.

modIMG_6037

modIMG_6023

modIMG_6036

modIMG_6396

modIMG_6214

modIMG_6395

 

Siamo arrivati nella maestosa Piazza del Palazzo, tra turisti estasiati alla vista dell’Ermitage e bambini allegri, con le guance arrossate dal freddo; poi, all’improvviso, ci troviamo coinvolti in una sorta di flash mob: russi, italiani, tutti battono le mani, qualcuno si unisce al ballo.

modIMG_6167

modIMG_6061

 

Ci siamo trovati immersi nella spiritualità ortodossa, visitando la cattedrale di Kazan’ ed il monastero di Aleksandr Nevskij. Donne dal capo velato si chinano a baciare le icone, puliscono i candelieri; le persone pregano, credono veramente.
Fuori, intanto, due anziane danno dei rametti di salice, come avvento per la Pasqua.

modIMG_6385

modIMG_6393

 

Camminavamo nella Prospettiva Nevskij, circondati da negozi, persone ben vestite, turisti, ristoranti. D’un tratto vediamo loro, due uomini: barcollano, cadono per terra, ridono. Il tempo di attraversare la strada, e arrivano due poliziotti con aria minacciosa.

modIMG_6262

 

Poco lontano i palazzi aumentano, le strade si sfaldano, la gente ingrigisce: siamo nel quartiere dell’Udelnaya, tra le bancarelle del mercatino delle pulci Udelka.
Un sacco di persone elogiano questo agglomerato di bancarelle, dando suggerimenti su cosa potreste trovarvi. Io ho solo visto tanta povertà.
C’era tensione nell’aria, malinconia; montagne di vestiti, scarpe, in cui le persone scavavano cercando ciò di cui avevano bisogno; oggetti di ogni tipo a prezzi stracciati.

mod20160425_152008-01

20160425_152102-01

 

 

12 Replies to “Street view: nelle prospettive di San Pietroburgo

  1. Ci hai messo molto a ottenere il visto?
    Io ci provai un miliardo di anni fa e fu un po’ difficile.
    Ero in viaggio a Helsinki e non sono riuscita a sconfinare.
    Spero di avere altre occasioni per conoscere San Pietroburgo.

    1. Noi avevamo prenotato pochissimo tempo prima della partenza, infatti ci eravamo affidati ad una agenzia e, se non sbaglio, il visto era arrivato in un mese. Ma senza agenzia penso ci avrebbe messo il doppio se non il triplo del tempo, perché devi trovare il posto in cui alloggerai, farti fare una sorta di invito in cui viene presentata la tua prenotazione, andare al consolato russo e poi aspettare che chiudano le pratiche. E’ davvero una faticaccia, ma con un po’ di preavviso si riesce a fare! La vedrai sicuramente in futuro

  2. Questo post è speciale: anziché scrivere una descrizione dettagliata, sei riuscita a farmi immaginare l’atmosfera delle strade, dei palazzi, degli uomini-bolla. Devi essere una ragazza molto sensibile e questo ti aiuterà tanto ad avere un gran bel blog. Grazie, anche per le bellissime foto ❤ Anche tu hai una nuova lettrice!

  3. Wow che meraviglia. Leggendo le tue parole ho potuto viaggiare anch’io! Le foto poi sono così vive e intense. Quante stupende sinestesie ed emozioni. Un racconto davvero bello. Grazie per averlo condiviso!
    …e complimenti per il sito.

Lascia un commento